ZeroTre

ZeroTre

Zero tre è una serie di libricini cartonati dedicati alla fascia dei più piccoli, appunto da zero a tre anni. L’obiettivo è quello di seguire le varie tappe dello sviluppo del bambino.

L’autrice è Leslie Patricelli, scrittrice illustratrice americana. Ha scritto ed illustrato diversi libri per bambini, alcuni riconosciuti a livello internazionale. È stata illustratrice della acclamata serie Mini Myth.

IMG_8273

La collana è pensata veramente per i mini lettori in ogni dettaglio. La forma quadrata e arrotondata sugli angoli la rende facilmente afferrabile e maneggiabile anche da piccole mani. Il formato del cartoncino spesso è fatto apposta per non sciogliersi sotto litri di bava. Le immagini sono molto belle, semplici e soprattutto poche su ogni pagina, il bambino piccolo quindi non è confuso da troppi stimoli visivi né da colori eccessivamente accesi ma ha la possibilità di osservare le figure, individuarle e riconoscerle senza fatica.

Anche gli argomenti trattati sono a misura di bambino ed è proprio dal punto di vista del bambino che vengono illustrati. Si tratta di situazioni che riguardano direttamente il bambino,  come i rumori prodotti dal corpo o i suoni  che lo circondano

Il tutto legato insieme da colori e pochissime parole, solo l’indispensabile.

alcuni titoli:

 

Ogni libro è una opportunità per il bambino di scoprire sé stesso, gli altri e il mondo ed è una opportunità per gli adulti di trovare spunti di gioco lasciandosi andare con ironia alla riproduzione di suoni, seguendo le indicazioni sui libri. È soprattutto l’occasione di creare uno spazio di gioco comune, coinvolgendo anche fratellini e sorelline più grandi che senza dubbio adoreranno ogni volume.

È fondamentale che i bambini inizino subito a fare amicizia con l’oggetto “libro”. Per ogni età è disponibile un formato adatto, da quelli di stoffa sensoriali a quelli cartonati fino via, via a quelli per le prime letture. Io credo che fino all’età di 6 anni, quando gradualmente e secondo i tempi di ciascuno si comincia a leggere, i bambini debbano avere la possibilità di vivere il libro in maniera fisica annusandolo, mordendolo, guardandolo, toccandolo e si, a volte anche rompendolo per vedere cosa c’è dentro, solo così diventerà una presenza costante che potrebbe portare ad una relazione duratura.

Voglio segnalare un sito molto interessante www.natiperleggere.it

Al mio Orcacchiotto

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...