Approfondimenti

Distributore automatico di racconti

Qualche giorno fa mi è capitato di dover fare in una mattinata ben tre lunghe file. Mi guardavo intorno. Ovunque i percorsi da seguire erano allestiti come santuari del commercio e, oltre alle solite macchinette distributrici di qualunque genere di inutilità, ero circondata da messaggi più o meno espliciti che mi invitano con loro nel paese dei balocchi dove tutto è possibile. La prima cosa che mi sono chiesta è stata come mai in un posto che vede passare ogni giorno decine di bambini non ci fosse un’area dedicata a loro, un semplice tavolino con fogli e colori? Dei libri? Mah! D’altra parte perchè faticare a creare spazi adeguati se ora tutti abbiamo uno smartphone? Tutti, ma proprio tutti, grandi e piccini stavano lì, testa china e occhi vuoti davanti allo schermo delle meraviglie! È inutile non riesco proprio a farmene una ragione! Poi ecco qua che inciampo in questa notizia che mi conferma, purtroppo per l’ennesima volta, che i bambini si nutrono di ciò che vedono e cose del genere qui sono rare …

grenoble3Nel 2015 a Grenoble, comune sud-orientale della Francia, sono state inaugurati dei distributori che non mangiano soldi distribuendo vizi ma regalano racconti per rendere una attesa piacevole.

I distributori sono stati installati nei luoghi dove le attese sono inevitabili: uffici pubblici, metropolitane, stazioni ferroviarie. Nel 2016 altre stazioni d’oltralpe hanno preso spunto da questa idea, che evidentemente lì funziona, ed anche loro si sono muniti di distributori di racconti gratuiti.

grenoble2Il funzionamento è molto semplice, veloce ed intuitivo: basta premere il tasto che indica i minuti di lettura che possono essere uno, tre  o cinque, in base al tempo che si ha a disposizione et voilà la macchina ti sforna una striscia calda, calda di stampa che può essere un racconto, un fumetto o una poesia. Non si ha certamente facoltà di scelta riguardo al genere o al tema (per questo ricordo che ci sono le librerie) ma tutto sommato questa impossibilità rende possibile la scoperta di universi letterari ai quali forse, di nostra iniziativa, non ci saremmo accostati.

Insomma un grande ringraziamento per aver scommesso sul valore dell’essere umano al sindaco di Grenoble Eric Piolle, il quale, ho letto, che avrebbe anche fatto rimuovere i cartelloni pubblicitari lungo le strade, sostituendoli con degli alberi. L’idea di cui il sindaco è stato promotore nasce dalla casa editrice Short Edition, il presidente Christophe Sibieude racconta così la scintilla che ha dato origine al progetto

L’idea è nata quando eravamo di fronte a un distributore di barrette di cioccolata e bevande. Ci siamo detti che avremmo potuto fare lo stesso distribuendo storie, per riempire i momenti d’attesa con la cultura

Tra i testimonial del progetto c’è anche il regista del Padrino Francis Ford Coppola  che ha realizzato un video promozionale per far conoscere l’idea:
guarda qui il video promozionale

 

Annunci

2 pensieri riguardo “Distributore automatico di racconti”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...