Da Io a Tre, ZeroTre

IL MEGLIO E’

il meglio è.jpgUn paio di anni fa questo messaggio è diventato virale dopo che qualcuno l’ha fotografato attaccato alla porta di un pediatra e l’ha messo in rete. Jaione Yabar è la donna che ha scritto questo magnifico testo, è una blogger  e potete leggerla qui Más allá del Rosa o Azul. Questa mattina mi è capitato di leggerlo e ho deciso di postarlo perchè ho pensato che in fondo ogni giorno nascono nuovi genitori ai quali potrebbe far comodo ricevere questo messaggio di fiducia e incoraggiamento

le parole sono semplici e invitano i genitori ad ascoltare se stessi, nella relazione con il neonato, piuttosto che gli altri. Quando nasce un bambino i genitori, soprattutto la madre, vivono un momento di fragilità sia emotiva che fisica, i tre devono creare un nuovo equilibrio ed imparare a comunicare. L’assetto materno (di ho parlato nel post Fare spazio vs Creare spazio) che va definendo ha bisogno di spazio e incoraggiamento. inoltre dobbiamo sempre tenere a mente che ogni gravidanza, ogni parto ed ogni nascita sono eventi unici perchè unica è la triade che si costituisce. questo vale sempre, anche dopo la prima, la seconda, la terza volta. Le esperienze possono aiutare a conoscere meglio il proprio corpo, a cambiare più velocemente un pannolino, ad essere più sicuri nel fare il bagnetto al neonato, ad essere più organizzati (FORSE), ma non è detto che il bambino avrà piacere di fare il bagnetto o che il cambio del pannolino sia un momento divertente perchè il neonato è cambiato e diversa è la relazione che si è instaurata e dunque deve modificarsi anche il registro comunicativo. E la comunicazione può essere efficace solo se alla base c’è un ascolto empatico, il più possibile al riparo da interferenze.

Il meglio è

“Il meglio non è il seno.
Non è neanche il biberon.
Il meglio non è prenderlo in braccio.
Non è neanche non prenderlo in braccio.
Il meglio non è posarlo in questo modo.
Non è nemmeno posarlo in un altro modo.
Il meglio non è coprirlo in questo modo.
Non è nemmeno coprirlo in un altro modo.
Il meglio non è dargli il cibo frullato.
Non è nemmeno dargli il cibo a pezzi.
Il meglio non è quello che dice tua madre.
Non è nemmeno quello che dice la tua amica.
Il meglio non è che stia con una babysitter.
Non è nemmeno che vada al nido o che resti con i nonni.
Il meglio non è seguire quel certo tipo di educazione.
Non è nemmeno seguire un altro tipo.
Sai cos’è davvero il meglio?
Il meglio sei tu.
Il meglio è quello che ti fa sentire meglio.
Il meglio è quello che il tuo istinto ti dice che è meglio.
Il meglio è quello che aiuta anche te a stare bene.
Il meglio è quello che ti permette di essere felice con la tua famiglia.
Perché se tu stai bene, loro ricevono il meglio. Perché il meglio sei tu.
Perché se tu ti senti sicura, anche loro si sentono sicuri.
Perché se credi che stai agendo bene, la tua tranquillità e la tua felicità giungono anche a loro.
Perché il meglio sei tu.
Smettiamo di cercare di dire a ogni padre o madre cos’è meglio.
Perché ciò che è davvero meglio per i tuoi figli sei tu”.

L’ho letto e riletto e penso che il significato possa valere per tutti in qualunque momento della vita. Un invito ad ascoltarsi, a fidarsi di se stessi e a credere nelle proprie capacità anche quando non è facile, anche quando non abbiamo chi ci sostiene ma solo qualcuno che ci scoraggia. Incontreremo sempre chi ne sa più di noi o chi CREDE di saperne più di noi. Se proprio non riusciamo a farli tacere, se le parole ci entrano dentro e ci feriscono, allora alziamo il nostro volume interno, diamo un megafono alla nostra autostima perchè possa coprire con la sua voce tutti gli altri rumori.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...