Senza categoria

Quanto monotona sarebbe la faccia della terra senza le montagne. I. Kant

Risultati immagini per frasi sui viaggiC’è un posto, incastonato nella montagna che è per me come uno scrigno perché contiene ricordi preziosi di tanti anni fa. Ci sono dentro i soli e temporali di tante mie estati, c’è il profumo di mia nonna, ci sono lunghe passeggiate nel bosco, notti sotto le stelle, le prime cotte e le prime sbronze, compagnie numerose e variopinte che ogni anno perdevano qualcuno e guadagnavano qualcun altro . È li che la mente scappa quando ha bisogno di aria e chiudendo gli occhi li spalanco sul quel verde e quell’azzurro che rivestono le pareti del mio scrigno.

L'immagine può contenere: spazio all'aperto

Anche quest’anno sarà parte delle nostre vacanze e anche se mancano ancora 3 settimane io già sono in piena fibrillazione per i preparativi e così, in preda all’entusiasmo che solo l’attesa di un viaggio sa dare, mi rinfresco sotto l’ombra di sogni ad occhi aperti passeggiando tra i sentieri del bosco che srotolo nella memoria.

Risultati immagini per frasi sui viaggiLa montagna per me ha un fascino ineguagliabile, è bellissima e spaventosa nello stesso momento. Attraverso l’aria i colori sono vividi, accesi e senza filtri. Nel silenzio puoi scegliere di ascoltarti o farti accompagnare dal suono della vita che ti cammina accanto.

Vogliamo poi spendere due parole anche sulle delizie enogastronomiche? quelle che solo a guardarle guadagni 3 chili? Ma come si fa a rinunciare alla polenta taragna dello zio, che non si fa più aiutare a tagliare il formaggio, dice che quando lo taglio io sembra sempre la metà, 🙈 mah… allora io porto il vino e per me non c’è polenta senza Grumello!

Detto questo mi è venuta una certa fame quindi vi saluto così:

Da qualche anno mi piace portare con me sui monti la meditazione della montagna di Jon Kabat-Zinn

Quando vi sentite pronti, provate ad assimilarla dentro di voi, in modo che il vostro corpo e il monte fisso nell’occhio della mente siano una cosa sola. Il vostro capo diventa la vetta, le braccia e le spalle i versanti, le natiche e le gambe che poggiano sul cuscino collocato sul pavimento o sulla sedia sono la base della montagna. Percepite nel corpo il senso di elevazione della montagna, e nel profondo della colonna vertebrale l’asse su cui si erge. Trasformatevi in una montagna che respira, incontrollabili nella vostra immobilità, nella pienezza dell’essere, al di là di parole e pensieri, una presenza incentrata, radicata, impassibile.

(breve estratto)

Linda

Annunci

3 pensieri riguardo “Quanto monotona sarebbe la faccia della terra senza le montagne. I. Kant”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...