Bimbi con i Libri, Piccoli lettori crescono

Mortina e l’amico fantasma

mortina e l'amico fantasma

 

Mortina e l’amico fantasma

Chi è il misterioso bambino fantasma che tenta di entrare a Villa Decadente alla vigilia della tenebrosa festa di Capodanno Trapassato? Insieme a Mesto, il suo fedele levriero albino, Mortina cerca ogni dettaglio utile a scoprire da dove arrivi il loro nuovo, spettrale amico, in una spassosa indagine che le farà battere il cuore.

 

L’autrice è Barbara Cantini, nata a Firenze. Dopo la laurea si diploma in cinema d’animazione. Ha lavorato come animatrice cartoon a varie serie TV per la rai fino al 2011, quando ha vinto il concorso “L’illustratore dell’anno”. Da allora si dedica a tempo pieno all’illustrazione collaborando con editori americani, inglesi e italiani. Questo è il suo primo libro, uscito quest’anno ad ottobre e del quale è previsto il seguito in uscita a marzo 2018. Sono andata a sbirciare nel suo blog barbaracantini.blogspot.it, dove oltre ad un biografia più dettagliata, si trovano illustrazioni e racconti veramente interessanti, vale veramente la pena andare approfondire la sua conoscenza.

Anche questa terza storia, che ha come protagonista la bambina zombie Mortina è, secondo me, un lavoro perfettamente riuscito. Questa volta troviamo ad accoglierci una copertina che risulta a rilievo in alcuni punti dando la sensazione di poter toccare i personaggi ed entrare con loro nella storia.

Come nel primo Mortina ritroviamo il tema dell’identità. Nel primo si trattava di una identità che voleva essere affermata al di là dei pregiudizi, in questo nuovo racconto invece i protagonisti sono alla ricerca di una identità perduta. Ma quale è quella cosa che ci restituisce immediatamente a noi stessi, che per prima ci identifica? Il nostro nome. Il nostro nome, quello con il quale veniamo chiamati, è la porta d’ingresso al nostro mondo, alla nostra identità, a quel io sono pieno di significato ma spesso difficile da affermare.

I personaggi, ai quali ormai sono molto affezionata, mantengono le loro caratteristiche che calzano a pennello nell’ambientazione di Villa Decadente che, in questa storia si prepara a festeggiare il capodanno trapassato. Mentre nel racconto precedente abbiamo scoperto Mesto innamorato di Teresa, questa volta sarà proprio Mortina a manifestare tutti i sintomi del primo innamoramento.

Le illustrazioni sono indubbiamente quella caratteristica che rende la serie Mortina originale, riconoscibile e fruibile da una larga fascia di età. Personalmente adoro ogni pagina, dalle caratteristiche dei personaggi ai colori ma quello che mi piace di più sono gli appunti e le spiegazioni tra i disegni che aiutano il lettore a scoprire qualcosa di più dei protagonisti e della loro casa.

Per chi non conoscesse ancora Mortina lascio i link ai post precendenti:

Mortina, una storia che vi farà morire dal ridere

Mortina e L’odioso cugino

Buona lettura!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...